La direttiva (ue) 2019/904 (single use plastics – sup o “plastic free”) e la protezione del territorio da parte degli enti locali.

16 Set 2019 | articoli, contributi

Di Elena Capone

Nel corso degli ultimi mesi, dato soprattutto l’avvicinarsi della stagione estiva e l’intensificarsi dell’afflusso di turisti, Regioni e Comuni italiani hanno gareggiato nell’anticipare l’applicazione della disciplina recentemente introdotta nell’ordinamento europeo sulla riduzione dell’incidenza di determinati prodotti di plastica sull’ambiente.

La Direttiva UE 2019/904[i], entrata in vigore lo scorso 2 luglio 2019, si inserisce nel solco della strategia europea per la plastica, promuovendo l’abbandono graduale di prodotti monouso mediante approcci circolari che privilegino prodotti e sistemi riutilizzabili. Il fine dichiarato è quello di ridurre la quantità di rifiuti prodotti, nel rispetto degli obiettivi posti dalla Direttiva 2008/98/CE[ii] che inserisce tale tipo di prevenzione in cima alla gerarchia nella gestione dei rifiuti[iii].

In apertura dei suoi considerando, la Direttiva chiarisce tra i propri scopi che “perché il ciclo di vita della plastica diventi circolare, occorre trovare una soluzione per la crescente produzione di rifiuti di plastica e per la dispersione di rifiuti di plastica nell’ambiente in cui viviamo, in particolare nell’ambiente marino. La Strategia europea per la plastica rappresenta un passo avanti verso l’istituzione di un’economia circolare in cui la progettazione e la produzione di plastica e di prodotti di plastica rispondano pienamente alle esigenze di riutilizzo, riparazione e riciclaggio, e in cui siano sviluppati e promossi materiali più sostenibili. Il considerevole impatto negativo di determinati prodotti di plastica sull’ambiente, la salute e l’economia rende necessaria l’istituzione di un quadro giuridico specifico per ridurre efficacemente detto impatto negativo.

D’altronde, le statistiche sui rifiuti presenti nel mare rappresentano che almeno l’80-85% dei rifiuti rinvenuti sono in plastica e pertanto sono tra i più pericolosi per la sicurezza degli ecosistemi marini, la biodiversità e la salute umana; d’altra parte: “I prodotti di plastica monouso comprendono un’ampia gamma di prodotti di consumo frequente e rapido che sono gettati una volta usati, raramente sono riciclati e tendono pertanto a diventare rifiuti”[iv].

Tuttavia, dato l’impatto che la nuova normativa potrebbe avere a livello economico, occorrerà procedere gradualmente ad una sua armonizzazione mediante l’adozione di linee guida sui prodotti in plastica monouso. In particolare, dovrà essere disciplinata in maniera uniforme la composizione chimica dei materiali usati per la produzione di tali beni e individuata la corretta modalità della loro gestione a fine vita, oltre alla necessità di dover recepire la nuova normativa a livello nazionale da parte di tutti gli Stati membri.

La legislazione dell’Unione in vigore e l’obiettivo della strategia europea per la plastica, volta ad assicurare che entro il 2030 tutti gli imballaggi in plastica immessi sul mercato dell’Unione siano riutilizzabili o facilmente riciclati, potrebbero creare ostacoli agli scambi e provocare distorsioni della concorrenza nell’Unione, in particolare mediante l’introduzione di restrizioni di mercato nel settore dei prodotti di plastica monouso. L’ambito di incidenza della Direttiva in commento deve pertanto intendersi solo nei confronti di quei prodotti di plastica monouso più frequentemente rinvenuti sulle spiagge dell’Unione, come anche agli attrezzi da pesca contenenti plastica e ai prodotti realizzati con plastica oxo-degradabile.

La direttiva è infatti dichiaratamente una lex specialis e pertanto, in caso di conflitto con altre disposizioni nel suo stesso ambito di applicazione, dovrà prevalere; ciò in particolare per quanto riguarda la disciplina delle restrizioni all’immissione sul mercato, nonché delle misure di riduzione del consumo, sui requisiti dei prodotti, sui requisiti di marcatura e per quanto riguarda la responsabilità estesa del produttore nel caso dei prodotti da pesca.

Il fine ultimo della Direttiva è quello di ridurre la quantità di rifiuti di plastica monouso immessi sul mercato e di conseguenza nell’ambiente. Ciò ovviamente condurrà all’introduzione di restrizioni alla loro produzione e in tali casi gli Stati membri dovrebbero provvedere affinché tali restrizioni siano proporzionate e non discriminatorie. L’art. 5 della Direttiva UE 2019/904, rubricata “Restrizioni all’immissione sul mercato”, prevede infatti che “Gli Stati membri vietano l’immissione sul mercato dei prodotti di plastica monouso elencati nella parte B dell’allegato e dei prodotti di plastica oxo-degradabile”. L’elenco contenuto nell’Allegato B dispone la graduale dismissione della produzione dei seguenti prodotti: “1) Bastoncini cotonati, tranne quando rientrano nell’ambito di applicazione della direttiva 90/385/CEE del Consiglio o della direttiva 93/42/CEE del Consiglio;2) posate (forchette, coltelli, cucchiai, bacchette); 3) piatti; 4) cannucce, tranne quando rientrano nell’ambito di applicazione della direttiva 90/385/CEE o della direttiva 93/42/CEE; 5) agitatori per bevande; 6) aste da attaccare a sostegno dei palloncini, tranne i palloncini per uso industriale o altri usi e applicazioni professionali che non sono distribuiti ai consumatori, e relativi meccanismi; 7) contenitori per alimenti in polistirene espanso, ossia recipienti quali scatole con o senza coperchio, usati per alimenti: a) destinati al consumo immediato, sul posto o da asporto; b) generalmente consumati direttamente dal recipiente; e c) pronti per il consumo senza ulteriore preparazione, per esempio cottura, bollitura o riscaldamento, compresi i contenitori per alimenti tipo fast food o per altri pasti pronti per il consumo immediato, a eccezione di contenitori per bevande, piatti, pacchetti e involucri contenenti alimenti; 8) contenitori per bevande in polistirene espanso e relativi tappi e coperchi; 9) tazze per bevande in polistirene espanso e relativi tappi e coperchi”.

Gli obiettivi di tutela perseguiti dalla disciplina europea, infatti, sono volti ad incoraggiare all’interno dei singoli Stati membri l’impiego di prodotti adatti a un uso multiplo che, dopo essere divenuti rifiuti, possano essere preparati per essere riutilizzati e riciclati[v], implementando l’efficacia del sistema di raccolta anche mediante sistemi di cauzione-rimborso, promuovendo in tutti gli Stati una forma di riuso che vede la partecipazione attiva della cittadinanza nella gestione dei rifiuti.

In accordo con i Considerando enucleati dalla Direttiva Plastic Free, l’art. 4 pone altresì come obiettivo per gli Stati membri quello di raggiungere entro il 2026 una riduzione quantitativamente apprezzabile rispetto al 2022 del consumo dei prodotti di plastica monouso elencati alla parte A dell’Allegato. Tra i prodotti avversati l’elenco prevede: “1) Tazze per bevande, inclusi i relativi tappi e coperchi; 2) contenitori per alimenti, ossia recipienti quali scatole con o senza coperchio, usati per alimenti: a) destinati al consumo immediato, sul posto o da asporto; b) generalmente consumati direttamente dal recipiente; e c) pronti per il consumo senza ulteriore preparazione, per esempio cottura, bollitura o riscaldamento, compresi i contenitori per alimenti tipo fast food o per altri pasti pronti per il consumo immediato, a eccezione di contenitori per bevande, piatti, pacchetti e involucri contenenti alimenti.

Nessuna normativa però può pretendere di essere efficace senza un idoneo apparato sanzionatorio e a tal fine la Direttiva SUP, al considerando n. 31, raccomanda agli Stati membri di “stabilire norme relative alle sanzioni applicabili in caso di violazione delle disposizioni nazionali adottate conformemente alla presente direttiva e dovrebbero adottare tutte le misure necessarie per garantirne l’applicazione. Le sanzioni previste dovrebbero essere effettive, proporzionate e dissuasive.”

La doverosa cautela del legislatore europeo nel porre gli obiettivi da raggiungere rende evidente quanto possa essere concretamente sensibile l’impatto della disciplina in commento a livello nazionale, tanto da necessitare di normative di recepimento.

Tuttavia, in un trend in continua crescita che pone la tutela dell’ambiente tra gli obiettivi maggiormente sentiti dalla popolazione e fatti propri dalle sfide politiche, i rappresentanti dei nostri Enti territoriali si sono resi promotori della battaglia ambientale europea in atto contro la plastica.

Nonostante l’espressa previsione dell’art. 17 della Direttiva UE 2019/807, norma sul recepimento della direttiva, che pone in capo agli Stati membri l’obbligo di recepire la normativa europea entro il 3 luglio 2021, gli obiettivi di tutela introdotti dalla Direttiva Plastic Free, sono stati oggetto di tentativi più o meno riusciti di applicazione anticipata.

Si è diffusa, infatti, un po’ su tutto il nostro territorio l’adozione di numerose ordinanze amministrative, sulla base di presupposti giuridici tra loro differenti e con motivazioni anch’esse particolari.

Alcune tra queste ordinanze, come prevedibile, sono state contestate innanzi ai T.A.R. competenti (nello specifico Abruzzo, Sicilia e Puglia), circostanza che ha dato luogo all’adozione di pronunce cautelari che in alcuni casi hanno portato alla disapplicazione delle ordinanze amministrative c.d. “Plastic Free”.

Procedendo in ordine cronologico, il primo ad essersi pronunciato sulla legittimità di siffatte ordinanze è stato il TAR Sicilia, sede di Palermo, con due pronunce tra loro parzialmente differenti[vi].

In entrambe le decisioni, il TAR siciliano sospende l’efficacia delle ordinanze sindacali n. 32 del 29.03.2019 del Comune di Trapani e n. 5 del 05.02.2019 del Comune di Santa Flavia, la cui legittimità è stata contestata in sede giudiziale con i ricorsi promossi da alcune società produttrici di stoviglie in plastica monouso.

Le ordinanze sindacali in oggetto avevano introdotto il divieto di distribuzione, commercializzazione, e persino utilizzo di qualsiasi prodotto monouso non realizzato in materiale biodegradabile e/o compostabile. Tali divieti erano rivolti non solo ai titolari di attività di ristorazione o somministrazione di alimenti e bevande, ma anche agli esercenti di generi alimentari e ogni altro esercizio abilitato alla vendita di tali prodotti. Il divieto era valevole anche in occasione di feste pubbliche, manifestazioni e altri eventi pubblici di qualsiasi genere, ma anche, infine, nei confronti di “tutti i visitatori” di entrambi i Comuni.

Nelle ordinanze sindacali, tra le premesse, era richiamata l’approvazione da parte del Parlamento europeo del divieto di utilizzare nell’Ue gli oggetti in plastica monouso come i piatti, le posate, le cannucce, i bastoncini per palloncini e i cotton-fioc, che sarebbe poi confluita nell’adozione della Direttiva UE 2019/904.

In entrambe le ordinanze cautelari i giudici hanno motivato la decisione di sospendere le ordinanze sindacali impugnate, sul presupposto della riscontrata carenza dei requisiti normativi che consentono l’adozione di ordinanze contingibili e urgenti, non ravvisandosi in particolare i profili dell’eccezionalità e imprevedibilità della situazione da fronteggiare, nonché, dal punto di vista temporale, della mancanza di un limite finale ai divieti introdotti.

È meritevole di attenzione, in quanto si discosta parzialmente dalla motivazione resa nell’altro giudizio, il rilievo sollevato dal TAR nell’ordinanza cautelare n. 807 circa il contrasto dell’ordinanza sindacale con la normativa nazionale e comunitaria vigente in materia di plastiche monouso[vii], disponendo, anche su tali basi, la sospensione dell’ordinanza del Sindaco del Comune di Santa Flavia.

Successivamente, si è pronunciato il TAR Abruzzo, nella Camera di Consiglio del 10 luglio 2019, chiamato a vagliare la legittimità dell’ordinanza n. 63 del 09.04.2019 adottata dal Sindaco di Teramo, con la quale è stato introdotto il divieto, dello stesso tenore delle ordinanze sindacali siciliane, all’utilizzo di prodotti in plastica monouso nel Comune di Teramo, consentendo “la progressiva eliminazione delle eventuali scorte giacenti nei banchi alla clientela e nei magazzini di materiale monouso non biodegradabile e non compostabile, comunque non oltre il 31 dicembre 2019”.

In tal caso la Prima Sezione del TAR Abruzzo, con l’ordinanza cautelare n. 123/2019[viii], ha ritenuto di mantenere in vigore l’ordinanza sindacale impugnata dalle ricorrenti (imprese produttrici di prodotti in plastica monouso) non ravvisando il danno grave e irreparabile alla sfera soggettiva delle stesse dal momento che queste sono risultate essere produttrici anche di prodotti biodegradabili e compostabili.

Il TAR, in punto di fumus, motiva il rigetto dell’istanza cautelare rilevando che il divieto sindacale contestato avrebbe efficacia limitata al territorio della città di Teramo, dove le aziende ricorrenti avrebbero potuto indirizzare la distribuzione di prodotti biodegradabili e compostabili di loro produzione, senza rischiare di perdere le quote di mercato finora occupate con i prodotti di plastica tradizionale, sostituendo semplicemente un prodotto con l’altro.

Una battaglia giurisdizionale più serrata è stata invece combattuta dalla Regione Puglia, affiancata ad adiuvandum dal WWF, per mantenere in vigore l’Ordinanza Balneare 2019[ix], con la quale è stato introdotto il divieto di distribuzione, commercializzazione e utilizzo di prodotti in plastica monouso su tutte le spiagge pugliesi.

L’ordinanza balneare citata è stata impugnata da alcune società produttrici di beni in plastica monouso e da alcune associazioni di categoria, per vedere dichiarare la sua illegittimità nella parte in cui dispone:

Articolo 3 – prescrizioni sull’uso del demanio marittimo

  1. Sulle aree demaniali marittime pugliesi, al fine di favorire la sostenibilità ambientale delle spiagge e preservare l’ambiente marino, è vietato l’utilizzo di contenitori per alimenti, piatti, bicchieri, posate, cannucce, mescolatori per bevande non realizzati in materiale compostabile, se monouso”;

Articolo 4 – disciplina delle aree in concessione per strutture balneari – Capo B) – Disciplina particolare per le strutture balneari, paragrafo 6: “Nei locali (bar, ristoranti ecc.) con accesso alla spiaggia: tutte le bevande vendute o somministrate in contenitori di vetro devono essere consumate all’interno dei locali; i contenitori per alimenti e bevande destinati al consumo immediato, sul posto o da asporto, nonché i piatti, i bicchieri, le posate, le cannucce, i mescolatori per bevande, se monouso, devono essere in materiale compostabile; al fine di consentire l’esaurimento delle scorte di magazzino, è consentita, esclusivamente per le bottiglie di acqua in plastica riciclabile, la somministrazione fino al 30 settembre 2019”.

Da quanto è dato desumersi dal testo dell’ordinanza cautelare in commento, la Regione avrebbe invocato nelle sue difese “quale base giuridica dei disposti divieti di utilizzo, prevalentemente la sopravvenuta direttiva (UE) 2019/904 del Parlamento europeo e del Consiglio del 5 giugno 2019, pubblicata sulla Gazzetta ufficiale UE il 12 giugno 2019 ed entrata in vigore 20 giorni dopo; il termine per il recepimento della direttiva è fissato al 3 luglio 2021…”.

Il TAR Puglia, all’udienza cautelare del 24 luglio 2019, con un’articolata motivazione, ha accolto l’istanza sospensiva delle ricorrenti rilevando che la Direttiva europea, invocata nelle difese della Regione, necessiti di misure di recepimento da parte degli Stati membri perché incidente sulla tutela della concorrenza, dal momento che la sua applicazione comporterebbe l’introduzione di restrizioni al mercato dei prodotti di plastica monouso, oltre alla necessità di adottare scelte di politica ambientale di carattere tecnico che siano armonizzate tra tutti gli Stati membri.

Nella sua motivazione il TAR rammenta alla Regione di non poter assumere fra i propri scopi anche finalità di tutela ambientale in una materia qualificata come “trasversale”, né mediante potestà normative, né a maggior ragione nell’esercizio di funzioni amministrative, in particolare non potendo “compromettere il punto di equilibrio tra esigenze contrapposte espressamente individuato dalla norma dello Stato”.

Nell’ordinanza cautelare di accoglimento il TAR pugliese evidenzia, inoltre, come non potesse nemmeno predicarsi alcun effetto diretto della Direttiva SUP e richiama altresì a supporto della propria motivazione la sentenza della Seconda Sezione dello stesso Tribunale n. 1063 del 23 luglio 2019 che ha annullato l’ordinanza sindacale del Comune di Andria con la quale era stato introdotto l’obbligo di utilizzare nei distributori automatici di cibi e bevande esclusivamente bicchieri, posate, mescolatori in materiale biodegradabile e compostabile certificato rilevando il contrasto con la Direttiva Plastic Free.

Ha rinvenuto infine la sussistenza del fumus anche nel termine del 30 settembre 2019 posto dall’art. 4 dell’Ordinanza Balneare per l’esaurimento delle scorte di magazzino, nonostante questo riguardi soltanto le “bottiglie d’acqua”, dal momento che non può ritenersi escluso il danno grave e irreparabile dovuto all’ingente flusso dei consumi estivi.

Ciò che sottolinea il TAR è lo stato ancora in itinere della politica di prevenzione europea dalla plastica, non essendo ancora completamente delineata la definizione stessa di “prodotto in plastica monouso” e pertanto sulla base delle ragioni appena richiamate, il TAR Puglia, sede di Bari, ha accolto l’istanza cautelare delle ricorrenti sospendendo l’Ordinanza Balneare 2019 della Regione Puglia, fissando per la discussione del merito del ricorso l’udienza del 19.02.2020.

Non si è fatta attendere l’impugnazione della Regione che ha contestato l’ordinanza cautelare del TAR Bari n. 315 del 30 luglio 2019, presentando istanza di misure cautelari monocratiche mediante la riproposizione in maniera critica delle difese già svolte in primo grado. In particolare in questa sede la difesa della Regione, illustrando al giudice di appello di non aver mai richiamato nelle proprie difese di primo grado la disciplina europea introdotta dalla Direttiva UE 2019/904, ha chiarito di aver invocato quale fonte legittimante l’adozione dell’Ordinanza Balneare, la Legge della Regione Puglia n. 17/2015, art. 6, comma 1, lettera b), che attribuisce alla Regione la competenza sulla disciplina circa l’utilizzo delle aree demaniali marittime per finalità turistico-ricreative, mediante il potere di emanare ordinanze amministrative.

La difesa della Regione rileva, infatti, come la materia della tutela dell’ambiente avrebbe natura trasversale e, nelle materie di propria competenza, la Regione potrebbe stabilire previsioni idonee a determinare anche indirettamente “l’effetto di innalzare il livello minimo di tutela imposto dalla Stato”.

Il Consigliere delegato della Quarta Sezione del Consiglio di Stato – che ha deciso l’istanza di misure cautelari urgenti con il decreto n. 4032/2019, pubblicato il 07.08.2019 – ha aderito alla tesi prospettata dalla difesa regionale riscontrando “quanto al merito, che: – la gestione del demanio marittimo è conferita alle Regioni dall’art. 105 d.lgs. n. 112 del 1998; – la l.r. 10 aprile 2015, n. 17, nell’ambito della “gestione integrata della costa”, reca la disciplina unitaria circa “l’esercizio delle funzioni amministrative connesse alla gestione del demanio marittimo” nel territorio regionale; – all’art. 6 la l.r. in parola prevede, inter alia, che “la Regione … disciplina l’utilizzazione delle aree demaniali marittime per finalità turistico-ricreative, mediante ordinanze amministrative”.

Non ha pertanto rilevato alcuna violazione della potestà legislativa esclusiva dello Stato nella materia ambientale riconoscendo invece che l’Ordinanza Balneare fosse volta “a perseguire principalmente, l’interesse pubblico ad una ordinata, sicura, e civile fruizione del demanio marittimo e che l’incidenza in materia ambientale si presenta come indiretta e secondaria, con conseguente infondatezza, della lamentata violazione della potestà legislativa esclusiva dello Stato.

Il Consigliere delegato non ha riscontrato nemmeno l’asserito contrasto con la disciplina europea introdotta con la Direttiva SUP “giacché: – la direttiva in questione impone agli Stati l’adozione di misure volte proprio alla “riduzione dell’incidenza di determinati prodotti di plastica sull’ambiente”, con particolare riferimento a quello costiero e marino; – la direttiva, invero, distingue i prodotti in plastica monouso in vari sottogruppi e, in relazione a ciascuno di essi, reca specifiche previsioni: in particolare, la direttiva rispettivamente indica l’obiettivo della “riduzione ambiziosa e duratura del consumo” (gruppo A); dispone il divieto di immissione sul mercato (gruppo B); specifica le caratteristiche che condizionano l’immissione sul mercato (gruppi C e D); stabilisce l’istituzione di specifici regimi di responsabilità del produttore (gruppo E); impone agli Stati obiettivi minimi di raccolta differenziata (gruppo F); dispone l’adozione di misure di sensibilizzazione dei consumatori (gruppo G)….

Non è stata quindi rilevata alcuna distorta incidenza dell’Ordinanza Balneare nei confronti di nessuna delle previsioni introdotte dalla norma europea, posto che l’ordinanza regionale si limita a disciplinare esclusivamente “l’uso” dei prodotti in plastica monouso nelle aree del demanio marittimo di propria competenza e nei locali aperti al pubblico con accesso diretto al demanio marittimo e non riguarda né la fase della produzione, né quella della generale distribuzione sul mercato di tali prodotti.

In quanto al fumus il giudice monocratico non ravvisa alcun contenuto dispositivo che possa distorcere il mercato interno o transfrontaliero, a maggior ragione, ad avviso di chi scrive, dal momento che non è rinvenibile all’interno dell’Ordinanza Balneare l’apparato sanzionatorio che conseguirebbe all’eventuale violazione delle sue disposizioni.

Il Consigliere delegato della Quarta Sezione del Consiglio di Stato accoglie quindi l’istanza di misure cautelari urgenti svolta dalla Regione Puglia, sospendendo l’esecutività dell’ordinanza cautelare del T.A.R. per la Puglia, Sede di Bari, n. 315 del 30 luglio 2019.

Alla successiva Camera di Consiglio del 29 agosto 2019, fissata per la discussione collegiale dell’appello cautelare, la Quarta Sezione del Consiglio di Stato, in riforma dell’ordinanza cautelare di primo grado impugnata, richiamando l’articolata motivazione del precedente decreto cautelare monocratico e rilevando la mancanza del fumus, ha definitivamente respinto l’istanza cautelare proposta in primo grado rinviando alla discussione di merito la decisione finale sul ricorso.

Occorrerà quindi attendere l’udienza pubblica del 19 febbraio 2019 per conoscere l’esito del ricorso sull’Ordinanza Balneare della Regione Puglia.

Ciò che rileva, in conclusione di questo breve excursus sulla battaglia giuridica appena iniziata in tema di plastica monouso, è la crescente attenzione che la società nel suo complesso sta dimostrando nei confronti dell’acclarata incidenza negativa che l’uomo ha sull’ambiente e su una progressiva sensibilizzazione di tutti gli utenti ad una corretta partecipazione alla gestione della res publica.

Per il testo dei provvedimenti giurisdizionali citati nel testo (estratti dal sito istituzionale della Giustizia Amministrativa) cliccare sui pdf allegati

Capone_CdS Decreto cautelare N. 4032_2019 IV Sez. Capone_CdS Ordinanza CC 29.08.19 N. 06927_2019 TAR Bari 315_2019 TAR Bari 1063_2019 TAR Palermo 789_2019 TAR Palermo 807_2019 TAR L_Aquila 123_2019

[i] Direttiva UE 2019/904 del Parlamento Europeo e del Consiglio del 5 giugno 2019 sulla riduzione dell’incidenza di determinati prodotti di plastica sull’ambiente, pubblicata il 12 giugno 2019, sulla Gazzetta Ufficiale europea ed entrata in vigore il successivo 2 luglio.

[ii] Direttiva 2008/98/CE del Parlamento europeo e del Consiglio relativa ai rifiuti, recentemente modificata dalla Direttiva 2018/851/UE.

[iii] La gerarchia di gestione dei rifiuti è inclusa nel Pacchetto europeo sull’economia circolare e prevede, nell’ordine: 1. Riduzione/prevenzione della produzione di rifiuti; 2. Riuso; 3. Riciclo; 4. Recupero di altro tipo (es. energia); 5. Smaltimento.

[iv] Si veda il considerando n. 5 della Direttiva (UE) 2019/904.

[v] In tema di economia circolare si veda la disciplina introdotta lo scorso anno con: la Direttiva 2018/849/UE in materia di RAEE pile e accumulatori; Direttiva 2018/850/UE in materia di discariche; Direttiva 2018/851/UE in materia di rifiuti e Direttiva 2018/852/UE in materia di imballaggi e rifiuti da imballaggio; nonché il contributo di E. Maschietto Economia circolare e società del riciclaggio: la discarica nell’attuale quadro normativo, in questa Rivista, 2019, n. 3/4 Luglio/Agosto.

[vi] T.A.R. Sicilia, Palermo, Sezione I, ordinanze cautelari n. 798 e n. 807 del 04.07.2019, pubblicate rispettivamente in data 05.07.2019 e in data 06.07.2019.

[vii] In particolare nell’ordinanza cautelare del T.A.R. Sicilia n. 807/2019 (v. nota sopra) viene evidenziato il contrasto dell’ordinanza del Sindaco di Santa Flavia con l’art. 226-quater del D.lgs. 152/2006 entrato in vigore lo scorso 1° gennaio e rubricato “Plastiche monouso” il quale dispone: “Ai fini di prevenire la produzione di rifiuti da prodotti di plastica monouso e di quella dei materiali di origine fossile, nonché di prevenire l’abbandono e di favorire la loro raccolta differenziata e il relativo riciclaggio di materia, nonché di facilitare e promuovere l’utilizzo di beni di consumo ecocompatibili coerentemente con gli obiettivi indicati nella comunicazione della Commissione europea “Strategia europea per la plastica nell’economia circolare”, COM(2018) 28 definitivo, i produttori, su base volontaria e in via sperimentale dal 1° gennaio 2019 fino al 31 dicembre 2023:a) adottano modelli di raccolta differenziata e di riciclo di stoviglie in plastica da fonte fossile con percentuali crescenti di reintroduzione delle materie prime seconde nel ciclo produttivo; b) producono, impiegano e avviano a compostaggio stoviglie fabbricate con biopolimeri di origine vegetale; c)  utilizzano entro il 31 dicembre 2023 biopolimeri, con particolare attenzione alle fonti di approvvigionamento nazionale, in modo massivo e in alternativa alle plastiche di fonte fossile per la produzione di stoviglie monouso.”.

[viii] T.A.R. Abruzzo, Sezione Prima, ordinanza cautelare n. 123 del 10.07.2019, pubblicata in data 11.07.2019.

[ix] L’Ordinanza Balneare 2019 della Regione Puglia è stata assunta con determinazione del Dirigente della Sezione Demanio e Patrimonio n. 251 del 5 aprile 2019.

SCARICA L’ARTICOLO IN VERSIONE PDF

Capone_Plastic Free

Scritto da