Article
Attività organizzate per il traffico illecito di rifiuti e confisca ambientale. Tra profili di (in)costituzionalità della norma e disarmonie legislative

Attività organizzate per il traffico illecito di rifiuti e confisca ambientale. Tra profili di (in)costituzionalità della norma e disarmonie legislative

di Enrico Fassi Corte di Cassazione, Sez. III – 6 novembre 2019 (dep. 7 aprile 2020), n. 24797 – Pres. Ramacci, Est. Liberati – ric. P. Il presente contributo analizza l’istituto della confisca previsto dall’art. 452 undecies cp, ed in particolare la disposizione premiale del quarto comma, nel rapporto con il delitto di attività organizzate...

Article
La Cassazione e la questione di legittimità costituzionale del reato di inquinamento ambientale: una risposta troppo “veloce” ad una questione complessa.

La Cassazione e la questione di legittimità costituzionale del reato di inquinamento ambientale: una risposta troppo “veloce” ad una questione complessa.

di Roberto Losengo e Carlo Melzi d’Eril Corte di Cassazione, Sez. III – 30 gennaio 2020 (dep. 23 marzo 2020), n. 10469 – Pres. Ramacci, Est. Reynaud – ric. F. È manifestamente infondata la questione di legittimità costituzionale dell’art. 452 bis c.p. (sollevata sotto il profilo della violazione del principio di determinatezza della fattispecie incriminatrice)...

Article
Dal rifiuto al prodotto passando per il ciclo dell’”end of waste”. La Suprema corte si pronuncia sui criteri dell’ art. 184 ter del Testo Unico ambientale

Dal rifiuto al prodotto passando per il ciclo dell’”end of waste”. La Suprema corte si pronuncia sui criteri dell’ art. 184 ter del Testo Unico ambientale

di Vincenzo Morgioni CASSAZIONE PENALE, Sez. III – 14 novembre 2019 (dep. 26 febbraio 2020), n. 7589 – Pres. Sarno, Est. Gentili – ric. Kweku Affinché un bene o una sostanza perda la qualifica di rifiuto è necessario che la stessa sia stata preventivamente sottoposta ad un’operazione di recupero, incluso il riciclaggio e la preparazione...

Article
Il caso dei liquami zootecnici (di nuovo) al vaglio della Cassazione

Il caso dei liquami zootecnici (di nuovo) al vaglio della Cassazione

Di Roberta Mantegazza CASSAZIONE PENALE Sez. III – 10 gennaio 2020 (dep. 11 marzo 2020), n. 9717 – Pres. Izzo, Est. Galtiero – ric. Battipaglia La disciplina sugli scarichi trova applicazione soltanto se il collegamento tra ciclo di produzione e recapito finale sia diretto ed attuato mediante un sistema stabile di collettamento, costituito da un...

Article
Cessione a titolo oneroso: non viene meno la qualifica di rifiuto

Cessione a titolo oneroso: non viene meno la qualifica di rifiuto

CASSAZIONE PENALE, Sez. III 21 gennaio 2020 (dep. 6 marzo 2020) n. 9052, Pres. Liberati – Est. Mengoni – ric. Groza Di Margherita Benedini   La natura di rifiuto, acquisita in forza di criteri positivi (oggetto di cui il detentore si disfi, abbia l’intenzione o l’obbligo di disfarsi, quale residuo di produzione) e negativi (assenza...

Article
Gestione dei rifiuti nel contratto di appalto: la nozione di produttore all’insegna del design giurisprudenziale

Gestione dei rifiuti nel contratto di appalto: la nozione di produttore all’insegna del design giurisprudenziale

di Matteo Riccardi e Paola Martino CASSAZIONE PENALE, Sez. III – 19 dicembre 2019 (dep. 13 gennaio 2020), n. 847 – Pres. Aceto, Est. Scarcella – ric. Lanzara e altro  La Cassazione interviene nuovamente a districare il fitto intreccio delle responsabilità connesse alla corretta gestione dei rifiuti prodotti dall’esecuzione di un contratto di appalto, definendo...

Article
Sulla obbligatorietà delle prescrizioni della procedura estintiva ex art. 318 ter D.Lgs. 152/2006

Sulla obbligatorietà delle prescrizioni della procedura estintiva ex art. 318 ter D.Lgs. 152/2006

di Ginevra Ripa Cassazione Penale Sez. III, 27 novembre 2019 (dep. 24 febbraio 2020), n. 7220 – Pres. Andreazza, Est. Di Stasi – Ric. Nigro L’omessa indicazione di prescrizioni di regolarizzazione da parte dell’organo di vigilanza ai sensi dell’art. 318 ter T.U.A. non rende improcedibile l’azione penale, non essendo obbligatoria la procedura di cui alla...

Article
Sul momento consumativo dell’art. 328 c.p.: un punto di incontro tra tutela dell’ambiente ed efficienza della pubblica amministrazione.

Sul momento consumativo dell’art. 328 c.p.: un punto di incontro tra tutela dell’ambiente ed efficienza della pubblica amministrazione.

di Vincenzo Morgioni   CASSAZIONE PENALE, Sez. VI – 12 novembre 2019 (dep. 16 gennaio 2020), n. 1657 – Pres. Petruzzellis, Est. Villoni – ric. Villani    Il rifiuto di un atto dell’ufficio, previsto dall’art. 328, comma primo, c.p., ha natura di reato istantaneo e può manifestarsi in forma continuata quando, a fronte di formali...